Carta di Credito e Carta di Debito

Carta di Credito e Carta di Debito

Carta di Credito e Carta di Debito, Analizziamole bene

La velocità con cui si sviluppa la società è aumentata ad un ritmo quasi insostenibile.

Con essa tutti i servizi collegati, comprese le forme di pagamento e la tipologia di pagamento, per esempio le valute digitali e le crypto monete.

Ma di questo parleremo in un altro articolo.

Oggi vogliamo spiegarti bene la differenza tra carta di credito e carta di debito, anche se dovrebbe essere chiaro a tutti.

La prima domanda che ci viene in mente nel momento in cui pensiamo a questa tipologia di strumenti finanziari è quale delle due scegliere per poter avere a disposizione lo strumento più efficace per la nostra vita?

Poi ti rendi conto che non devi scegliere tra le due, ma capire bene come usarle.

Queste carte, e non sono le uniche sono a disposizione di chiunque voglia aprire un conto corrente e non solo.

Come ti accennavo oggi esistono carte conto che non hanno bisogno di nessun conto corrente per funzionare, ma anche di questo parleremo in un altro articolo.

Per capire bene la differenza, dobbiamo partire dalla loro definizione intrinseca.

Infatti la carta di pagamento, entità che raggruppa le diverse tipologie di forme di pagamento che ci interessano, servono principalmente a prelevare denaro e ad effettuare pagamenti, senza utilizzare i contanti.

Di queste carte esistono tre tipi diversi, definiti in base al momento in cui viene addebitato il pagamento sul conto del titolare della carta:

  • Carta prepagata: definita dalla formula pay before, comporta un pagamento anticipato da parte del titolare della carta, che versa in partenza un ammontare di denaro per averne poi la disponibilità attraverso la carta stessa. Questa verrà poi utilizzata e “scaricata” nel corso dei vari acquisti. Nonostante sia un servizio offerto anche da esercizi non strettamente bancari, la carta prepagata è oggi una parte importante dei pacchetti di offerte di quasi tutte le banche.
  • Carta di debito: definita dalla formula pay now è il cosiddetto carta di debito. Con questa carta la spesa effettuata viene prelevata al momento dell’acquisto dal proprio conto corrente bancario.
  • Carta di credito: definita dalla formula pay later, permette di porre un lasso di tempo tra il momento dell’acquisto e quello dell’effettivo pagamento. In base al sottotipo di carta scelto, si può posticipare il pagamento entro la metà del mese successivo (in caso di carta di credito a saldo) o rateizzarlo (carta di credito a rate, o revolving).

Per tornare quindi alla nostra domanda di partenza, è molto importante scegliere bene tra carta di debito e carta di credito.

La differenza tra le due infatti potrà sembrare sottile ma in realtà è decisiva: con la prima si va a spendere del denaro di cui siamo già in possesso, per quanto depositato in un conto bancario; con la seconda invece c’è la possibilità di acquistare merce pagandola con dei soldi di cui non siamo al momento effettivamente forniti ma che ci aspettiamo di avere sul conto nelle settimane successive, quando sarà convalidato il pagamento con un prelievo da parte della banca (che prenderà tutto l’ammontare o soltanto una rata in base al tipo di carta di credito scelta).

Attenzione però a tenere sotto controllo il proprio conto; nel malaugurato caso in cui vi doveste ritrovare scoperti al momento del pagamento sarà a discrezione della banca segnalarvi come cattivi pagatori alla Centrale Rischi.

Lascia un commento