Il Segreto della Tavola di Padre Pacifico

Il Segreto della Tavola di Padre Pacifico

Il Segreto della Tavola di Padre Pacifico

Il segreto della tavola di Padre Pacifico, conservato gelosamente per secoli, è finalmente stato rivelato.

Proviamo a fare un pò di chiarezza, dopo varie ricerche storiche e dopo aver incrociato i dati che  abbiamo trovato, tra biblioteche, testi antichi e testimonianze.

Il tutto ebbe inizio tra il 1831 e il 1846 ai tempi di Papa Gregorio XVI…A quei tempi c’era ancora lo stato pontificio che governava sulla città di Roma.

Ora entriamo nella leggenda…A Roma viveva nelle adiacenze del convento dei cappuccini di Via Veneto in Roma un certo fra’ Pacifico che aveva il grande dono di azzeccare i numeri al lotto e da tutti i romani era conosciuto con l’appellativo di “er mago”… Costui era solito elargire dei numeri per il gioco del lotto che, poi, immancabilmente uscivano.

Si dice che lo stato pontificio, allora detentore del gioco del lotto in Roma, per evitare il tracollo finanziario, fu costretto ad allontanare il frate dal suo convento, dietro intervento stesso del Papa di allora Gregorio XVI.

Frate Pacifico, però, per vendicare l’affronto subito, a tutta la gente venuta in massa per salutarlo alla sua partenza, recitò i seguenti versi:

“Roma se santa sei (66)

perché crudel se’ tanta? (70)

Se dici che se’ santa (16-60)

Allora bugiarda sei” (6)

La “leggenda” dice che tutti quelli che hanno saputo interpretare quei versi, e hanno giocato i numeri 66.70.16.60.6 hanno sbancato il lotto pontificio.

 

La Tavola del Cappuccino

Ora torniamo alla “tavola del cappuccino”. Si narra che questa famosa tavola sia stata ideata da un frate, un certo Padre Emidio di Cori, cappuccino originario di Cori paese al confine tra Roma e Latina. La misteriosa “Tavola di Padre Emidio Cori” che abitava nel convento sopracitato. Questa tavola rappresenta per i lottologi e i numerologi uno dei rompicapi dai risvolti esoterici e religiosi, tutt’oggi irrisolti o noto a pochissime persone.

Nella tavola vi è riportata la frase, trascritta di proprio pugno dal religioso: ”VERA ED INFALLIBILE PER LA DETERMINAZIONE DEL FUTURO ESTRAENDO”, che nasconderebbe l’esito di una ambata certa.

Se analizziamo cosa riporta tale manoscritto, possiamo in primis osservare un rettangolo in cui sono racchiusi in sequenza tutti i 90 numeri, ed una griglia di 90 numeri esterna che li racchiude suddivisa in 5 comparti o settori: da dx verso sin. partono dal n.7 fino ad arrivare al n.12 in colonna singola, mentre dai numeri 43 e 25 si sdoppia fino ai numeri del lato opposto 48 e 30, per poi proseguire in singola dal 61 al 66 e dal 79 all’84. Ognuno di questo settore contiene 18 numeri che moltiplicati per il n° dei comparti è uguale a 90 (5×18= 90). Dal n°48 osserveremo in basso il rispettivo 30, entrambi presenti nella figura tre, mentre alla distanza tre osserveremo il 51 sopra al 33 ovvero della medesima figura6, sempre a distanza tre segue il 54 che sovrasta il 36(figura 9) e così via.

Sul lato sinistro di chi osserva è possibile notare delle uguaglianze : 1=4, 2=8, 3=1, 4=7, 5=3, 6=9, 7=2, 8=5 e 9=6, riferite presumibilmente alle rispettive figure.Osservandola attentamente, tale tavola ha delle peculiarità armoniche e ciclometriche non indifferenti. Se osserviamo il primo numero da sn, cioè l’ 86, notiamo nella stessa riga il 27, il 58 ecc. ovvero la somma dell’86+31= 27, fino ad’ arrivare al 73, mentre se iniziamo a leggere lo stesso 86 in verticale, potremo notare un valore di -35, ovvero 86-35 = 51-35= 16, ecc.Partendo sempre dall’86, in diagonale avremo il ripetersi del valore -4, ovvero, 86, 82,78 fino al 18. Se invece partiamo dal primo numero in altro a dx, cioè il 73, noteremo che il suo sviluppo ortogonale sarà +24, ovvero 73+24= 97, cioè 7+ 24 = 31, ecc.Dalla prima colonna, sotto il 79 potremmo osservare i numeri in cadenza 1 e 6 con una crescita di +20, ovvero 86, 51, 16, 71 ecc.. Nella seconda colonna saranno presenti la cadenza 7 e 2 sempre passo 20, nella terza 8 e il 3, nella quarta la 9 e la 4, nella quinta la cadenza 0 e la 5, nella sesta si ricomincia dalla 1 e 6 e così via fino all’ultima costituita dalla 3 e dalla cadenza 8.Osservando le singole colonne, noteremo che dalla prima alla V/a , dalla VI/a alla X/a e dalla XI/a alla XV/a colonna, sono racchiusi tutti i 90 numeri mentre le ultime tre colonne a destra sono incomplete come se rappresentassero il proseguimento di un altra tavola.Il dubbio di tale tavola è principalmente rivolto alle uguaglianze: saranno tali o sono riferite alle 9 figure del lotto? Se dividiamo la tavola per due, otterremo 4 quadrati di 9 x 9 e il 9 richiamerebbe le uguaglianze.

la tavola del cappuccino

Fra Pacifico dava ambi e terni era l’unico che sapeva interpretare la Tavola di Padre Emidio Cori?…perché la tavola risulta appunto che sia stata fatta da questo frate.

L’ unico dubbio che rimane, riguarda i numeri dati dal frate, quando venne esiliato.In quel momento egli era circondato da guardie che lo presero subito in consegna e scortato fuori i confini…Non ebbe modo alcuno di andare a studiare dei numeri per una eventuale cinquina da dare ai fedeli per vendicarsi del papa.

Ma come si sà, il fascino del mistero aleggia sempre su queste leggende antiche e anche questo fa parte della bellezza, e questo è un altro motivo per tentare la fortuna.

 

Questo articolo ha 9 commenti.

  1. Andrea

    Ciao ho provato con diversi sistemi, non tutti hanno funzionato!
    Sono alla ricerca di qualcosa che possa andare bene per il mio modo di giocare.
    Posso avere qualche info in più?
    Grazie

    1. Redazione

      Buongiorno Andrea, possiamo soltanto dirti che il sistema è semplice, il costo può essere ammortizzato facilmente, quindi non ti rimane che provare.
      Se ti interessa a questo link trovi tutte le info che vuoi https://bit.ly/2HYrODF

      Grazie per l’interesse

  2. Mario

    Buongiorno sono uno studioso del lotto e per la mia esperienza posso dirti che
    seguo la tavola e i suoi studi da anni e anni…
    LA tavola si usa in questo modo
    I numeri dell’ultima estrazione vanno posti nella cornice esterna in modo tale da ricavare un determinato numero all’interno della tavola stessa.
    Per intenderci…una sorta di battaglia navale.
    Il numero ricavato però non è altro che l’inizio di un eventuale calcolo.
    Infatti in anni e anni di prove e prove…il numero dato dall’incrocio non è il numero che verrà estratto.
    Non rimane che capire…come muoversi all’interno della tavola.
    Buoni studi a tutti

    1. Redazione

      Buongiorno Mario,
      grazie della tua testimonianza su questo gioco che può dare grandi soddisfazioni.
      A breve amplieremo i nostri articoli, specialmente su questo argomento, vista la tua spiegazione.

      Grazie a presto

  3. Letizia

    Buongiorno ho scoperto da poco di questa tavola di frate Pacifico,vorrei saperne di più ,la cosa mi affascina molto ,però ho un mio dubbio ,che il gioco a lotto è fortuna,non per questo dubito per questo chiedo di capire grazie

    1. Redazione

      Salve Letizia,
      il gioco al Lotto è sicuramente fortuna, una componente indispensabile in ogni aspetto della vita.Però bisogna tener conto che si tratta di numeri e se si attuano delle strategie che consentono di avere un metodo ricorrente da utilizzare, allora l’approccio cambia completamente.Il manuale di Padre pacifico è un metodo di calcolo che si basa sui numeri della data di nascita, ma non solo!Il pacchetto comprende dei video, l’accesso al gruppo segreto su Facebook, e la possibilità di poter accedere poi ad altri strumenti, quali calcolatore, etc.
      Insomma è un metodo in continua evoluzione.
      E’ iniziato con un semplice metodo di calcolo su foglio di carta e ora comprende diversi strumenti.
      Buona giornata

  4. Alessandro

    Salve a tutti….ho letto i vostri commenti e vi posso assicurare che la soluzione del lotto esiste eccome, ma viene tenuta ovvimente nascosta al popolo, si dovrebbe trovare negli archivi segreti del Vaticano (oltre che in qualche convento sparso qua’ e la’). La tavola del cappuccino permette di estrapolare i numeri futuri (3 per l’esattezza), esattamente come la tavola settenaria, il vero regolo fisico compilato da frate gesuita piu’ di 250 anni fa; entrambi i manoscritti permettono di trovare le stesse identiche previsioni, ma attraverso strade differenti (io preferisco per indole caratteriale la tavola settenaria perche’ sono cresciuto con quella, sono 20 anni che la analizzo). Ho accumulato nel corso del tempo un sacco di nozioni e sto appunto cercando dei validi collaboratori ai quali passare il mio materiale al fine di trovare un obiettivo comune che e’ appunto quello di trovare la soluzione. Il mio indirizzo mail e’ alex_mancini@yahoo.it

    Un saluto a tutti 🙂

    1. Redazione

      Salve Alessandro, grazie della testimonianza diretta sui metodi per il calcolo dei numeri.Ora approfondiremo anche il discorso della tavola settenaria e faremo un articolo al riguardo.Magari appena pubblicato sarà gradito iìun tuo commento/approfondimento.Buona giornata

      1. Alessandro

        Ok volentieri…fosse la volta buona che insieme troviamo qualcosa di valido….saluti.

Lascia un commento